Istruzioni per la compilazione del modello F24 ELIDE

Il modello F24 ELIDE è diventato obbligatorio, dal 1/1/2015, per il pagamento dell’imposta di registro relativa ad adempimenti di contratti di locazione (es: registrazione, annualità, risoluzione, ecc.). Questo modello sostituisce il precedente modello F23 e la sua compilazione è parecchio diversa.

Per la registrazione di comodati d’uso gratuito e le riduzioni di canone si continua ad usare il modello F23 (insieme al modello 69).

Vediamo di seguito le sezioni che lo compongono:

Screenshot at feb 01 20-38-11

Per la sezione Contribuente (di cui vediamo di sotto un ingrandimento) ci sono i seguenti elementi da tenere in considerazione:

Screenshot at feb 01 20-41-33

  • Nel caso di una ditta individuale vanno inseriti i dati della persona fisica.
  • Nel caso di un soggetto giuridico, la ragione sociale va inserita nel campo Cognome. I campi relativi al nome e la nascita non vanno compilati.
  • Nel “Codice fiscale del coobbligato …” va inserito un codice fiscale di una delle controparti. Per esempio se chi paga è il locatore allora in questo campo deve esserci il codice fiscale di uno dei conduttori.
  • Il codice identificativo deve avere sempre, nel caso di adempimenti di contratti di locazione, il valore 63.

Per la sezione Erario dovete tenere i conto i seguenti punti:

Screenshot at feb 01 20-47-55

  • Tipo è sempre F
  • Il campo Elementi identificativi contiene il Codice Identificativo di ContrattoE’ fatto di un massimo di 17 caratteri e  viene rilasciato dall’Agenzia delle Entrate al momento della registrazione.Esempio di nuovo codice identificativo: TJR14T001103   SJNel caso in cui non sia disponibile (perché registrato con i vecchi estremi Ufficio-Anno-Serie-Numero) si può ricostruire con gli estremi di registrazione. In questo caso la dimensione è di 16 caratteri.Non va compilato con la prima registrazione
  • Il campo Codice contiene il codice del tributo da versare.
  • L’Anno di riferimento, nel caso di prima registrazione, deve essere quello di stipula (o decorrenza se antecedente)
  • L’Anno di riferimento, nel caso di adempimenti successivi, deve essere quello della scadenza dell’adempimento stesso. Per esempio se è si paga l’annualità relativa alla decorrenza 15/12/2015-14/12/2016, va inserito 2015 nell’anno anche se magari il pagamento avviene a Gennaio del 2016. Se è una risoluzione si inserisce l’anno della nuova data di fine della locazione.

Nella seguente immagine potrete vedere come costruire l’elemento identificativo nel caso di vecchi estremi di registrazione (Ufficio-Anno-Serie-Numero).

Screenshot at feb 01 20-51-24

Esempi:

TMD113T000082000   R4M9801002134012 TNN0902000123001

Infine nel campo SALDO FINALE bisogna inserire la somma di tutti i tributi pagati. Non ci sono arrotondamenti negli importi dei singoli tributi.

Se siete interessati ad approfondimenti o aggiornamenti sui nuovi modelli o normative, DATOS offre un corso teorico e pratico sulle locazioni immobiliari.

 

PUBBLICITA’ ———————————————————–

AffittiStagionali.IT è il portale per la ricerca di case vacanza o affitto turistico in tutta Italia. Puoi trovare appartamenti in affitto stagionale o vacanza a Pietra Ligure, Borghetto Santo Spirito, Moneglia, San Bartolomeo al Mare (Liguria) oppure in Marina di Grosseto, Follonica (Toscana).

 

Annunci

Codici tributo del modello F24 ELIDE

I codici tributo per il nuovo modello F24 ELIDE, obbligatorio per il pagamento dell’imposta di registro su adempimenti relativi a contratti di locazione, sono i seguenti:

  • 1500: Imposta di registro prima registrazione per l’intera durata o no (ex. 115T/107T)
  • 1501:  Imposta di registro per l’Annualità (ex 112T)
  • 1502: Imposta di registro per la Cessione (ex 110T)
  • 1503: Imposta di registro per la Risoluzione (ex 113T)
  • 1504: Imposta di registro per la Proroga (ex 114T)
  • 1505: Imposta di bollo se il pagamento è contestuale alla stipula (ex 456T)
  • 1506: Tributi speciali e compensi (chiamati anche “Diritti di segreteria” – ex 964T)
  • 1507: Sanzioni da ravvedimento per la prima registrazione (ex 671T)
  • 1508:  Interessi legali da ravvedimento per la prima registrazione (ex 731T)
  • 1509: Sanzioni da ravvedimento per adempimenti successivi (ex 671T)
  • 1510: Interessi legali da ravvedimento per adempimenti successivi (ex 671T)

I contratti di comodato gratuito e le riduzioni di canone continuano ad essere registrati con i “vecchi” modelli 69 e F23.

DATOS offre un corso teorico e pratico sulle locazioni immobiliari con tutti gli argomenti e gli aggiornamenti normativi.

Codici F23 relativi agli affitti

Il programma, per Windows, DATOS – Calcolatrice vi permette di compilare e stampare i modelli F23 relativi alle locazioni.

Di seguito l’elenco dei codici F23 relativi agli affitti:

107T – Imposta di registro per tutta la durata del contratto nel caso di locazioni pluriennali.

108T – Imposta di registro per contratti con oggetto la locazione di fondi rustici o terreni agricoli.

109T – Imposta di registro per contratti in comodato d’uso gratuito. Questo codice viene utilizzato anche per inserire lo 0,5% sulla cauzione prestata da terzi e nel pagamento dell’imposta di registro in misura fissa dei 67 euro per la comunicazione della riduzione del canone.

110T – Imposta di registro per subentro conduttore o locatore.

112T – Imposta di registro per le annualità successive alla prima. Attenzione: superata la prima parte del contratto (ad esempio: i primi 4 anni in un contratto 4+4) bisogna registrare il rinnovo come proroga (codice 114T).

113T – Imposta di registro per la risoluzione anticipata del contratto di locazione.

114T – Imposta di registro per la proroga o rinnovo del contratto.

115T – Imposta di registro per la prima annualità (nel caso di locazioni pluriennali) oppure per le locazioni inferiori ai 2 anni.

671T – Sanzioni per la tardiva registrazione.

731T – Interesse per la tardiva registrazione.

964T – Tributi speciali. Chiamate anche “Diritti di segreteria”. Attenzione: leggere il seguente articolo al riguardo.

Lettera di sollecito pagamento affitto

ModelloLa lettera di sollecito deve essere inviata a tutti i conduttori (nota: inquilini presenti nel contratto) e deve contenere le seguenti informazioni:

  • Dati dell’immobile locato
  • Elenco degli importi dovuti con la data e/o il periodo di riferimento della rata
  • Totale dovuto ed eventualmente il promemoria con il metodo di pagamento

Di seguito potete vedere un esempio di lettera di sollecito:

Potete scaricare dal seguente link il modello in Word: lettera-sollecito-pagamento.doc.

Se avete bisogno di un programma per la gestione degli affitti con tutti i modelli di lettere, che vengono riempiti in automatico con i dati, potete visitare il sito di “Gestione Affitti”.

Lettera di notifica di aggiornamento ISTAT

ModelloLa lettera di notifica di aggiornamento ISTAT deve essere spedita prima della rata a cui si fa riferimento per addebitare sia l’aumento ISTAT sia una eventuale imposta di registro annuale.

I dati che si consigliano di inserire sono i seguenti:

  • Canone attuale
  • Indice FOI utilizzato e a quale mese/anno si riferisce
  • Percentuale da applicare all’indice
  • Aumento risultante
  • Canone aggiornato
  • Nuovo importo rate

Nel caso l’aggiornamento ISTAT venga fatto in concomitanza alla registrazione annuale del contratto, allora vengono aggiunti questi dati:

  • Imposta di registro annuale sulla base del canone aggiornato
  • Percentuale di competenza dell’inquilino

Di seguito potete vedere un esempio di lettera con tutti i campi che abbiamo elencato:

Potete scaricare dal seguente link il modello in Word: aggiornamento-istat.doc

Articoli collegati:

Calcolo dell’aggiornamento ISTAT

Per fare gli aggiornamenti ISTAT e stampare la lettera di notifica potete utilizzare il software “Gestione Affitti”.